Attenzione attenzione! È l’ora di tesserARCI!

29 11 2014

È arrivato quel periodo dell’anno. Le luci di Natale, i regali da fare, i pacchetti da impacchettare, le tessere ARCI da rinnovare. E anche, semplice semplice, un modo pratico e indolore per sostenere l’associazione 26per1 nella costruzione del circolo Gagarin:

  • rinnovate da noi la vostra tessera ARCI!
  • non avete la tessera ARCI? Fatela da noi!

La tessera ARCI da noi costa 10 € e naturalmente vi consentirà di entrare, oltre che al Gagarin quando sarà aperto, in tutti i circoli ARCI d’Italia. Soprattutto, una parte di quei 10 euro (cioè: quello che avanza coperti i costi della tessera) servirà per finanziare l’apertura del circolo Gagarin a Busto Arsizio. E, come ci illustra la campagna associativa di quest’anno, di volare un po’ più liberi nel cielo blu.

tesseramento arci 2015

Come fare la tessera?

Dal momento che il Gagarin è ancora in costruzione e dunque non abbiamo una sede operativa, potete fare la tessera ARCI alla bottega Migrando/S-oggetti, in via San Michele n. 7 a Busto Arsizio, tutti i giorni durante gli orari di apertura, da sabato 6 dicembre in poi.

E poi, segnatevi questa data sul calendario: sabato 13 dicembre, dalle 15.30, tutta 26per1 sarà a Migrando la Bottega/S-oggetti per una bella giornata di tesseramento. Sarà l’occasione anche di chiacchierare del circolo Gagarin e di parlare faccia a faccia del progetto e dei progressi. E pure di azzannare un panettone equosolidale.

Ricordatevi che la tessera ARCI 2015 è valida anche per quest’ultimo scampolo di 2014, quindi se non l’avete mai o ancora fatta, prima provvedete e meglio è!

Intanto, fate un salto sul sito del Circolo Gagarin e soprattutto date un’occhiata alla lista delle cose che ci servono. Ci sono moltissimi altri modi per aiutarci: volete darci una mano?





SLAM! @ Migrando La Bottega, Domenica 20 Gennaio dalle 18

15 01 2013

Il futuro è di chi lo fa.

Domenica 20 Gennaio presso la sede di Migrando la Bottega, via Pozzi 3, Busto Arsizio, 26per1 organizza uno SLAM POETRY con scrittori, musicisti, poeti di Busto Arsizio e dintorni, per parlare di Busto e per farla ancora vivere.

Migrando La Bottega è una realtà forte e di riferimento nell’ambito del commercio equo e solidale sul territorio di Busto Arsizio e non solo, e che come moltre altre botteghe sta attraversando un momento di difficoltà.

Domenica 20 Gennaio troverete Migrando aperta eccezionalmente, con sconti del 25% su tutto l’artigianato.

E dalle 18, 26per1 porterà tra le mura della Bottega uno spettacolo improvvisato, fatto di brevi testi originali e musiche, e nel cortile, che ha ospitato tante possibilità culturali e sociali, non mancherà neanche qualche bicchiere di vin brulè.
Poesia, musica e racconti, con la consapevolezza che le cose buone di una città debbano essere sostenute, difese e salvaguardate.

Il futuro è di chi lo fa.

Domenica 20 Gennaio, dalle ore 18

@Migrando La Bottega,

via Pozzi 3 a Busto Arsizio

SLAM!

Qualunque cosa si dica in giro, parole e idee possono cambiare il mondo.





Ondecorte Volume 1

10 09 2012

Chi ha partecipato a PaesaggiSonori2012 ha potuto già scaricarlo in anteprima, ma ora l’ebook multimediale Ondecorte Volume 1 è disponibile per tutti, gratuitamente, sotto licenza Creative Commons.

Tutto è cominciato il 27 giugno 2012, neanche tre mesi fa: 26per1 ha organizzato, in collaborazione con Migrando, una serata di videoarte, reading e sperimentazione musicale. Abbiamo presentato i video vincitori dei Vimeo Awards e abbiamo chiesto ai giovani scrittori della Scuola Holden di Torino di realizzare dei racconti ispirandosi ai filmati. E’ stata una serata indimenticabile, densa di luci, suoni e colori. Così abbiamo deciso di raccogliere tutto il possibile in un ebook multimediale: ci sono i racconti e le poesie, e ci sono i link ai video cui si riferiscono. Quindi, cosa state aspettando?

Scaricate l’ebook e cominciate il viaggio!

 





The Yes Men Fix the World – 14 luglio nel cortile di Migrando

8 07 2011

Ultimo appuntamento per le serate estive di 26per1 e Corteincircuito ospitate il giovedì sera nel cortile di Migrando la Bottega. Il 14 luglio, 26per1 vi presenta un film molto particolare, “una commedia degli equivoci accaduta per davvero”.

The Yes Men Fix the World, di Andy Bichlbaum e Mike Bonanno, ci racconta un modo inedito di fare attivismo politico ed economico: gli Yes Men sono militanti che combattono le multinazionali dall’interno, utilizzando gli stessi media che le grandi corporation controllano per costruirsi un’immagine rispettabile. Gli Yes Men si travestono dai propri nemici (alti funzionari, manager di grandi aziende) e, in questo modo, li smascherano davanti all’opinione pubblica, strappando il velo delle ipocrisie ed esponendoli all’indignazione. E centrano l’obiettivo, perchè, come leggiamo su Personal Report, “alle multinazionali le critiche da salotto non fanno paura perchè 1) non toccano effettivavente i loro soldi, 2) nè la loro immagine perchè 3) difficilmente smuovono l’opinione pubblica di massa 4) non essendo “televisivamente” spettacolari. Gli Yes Men hanno creato una formula che funziona perchè scardina questi quattro punti e ci aggiunge il divertimento, provocando l’indignazione del pubblico in sala più del supponente Michael Moore e dell’arrogante Borat, come dice Ken Edelstein del Mother Nature Network.”

26per1 vi invita dunque a gustarvi questo divertente documentario/commedia il 14 luglio alle ore 21.30 nel cortile di Migrando la Bottega, in via Pozzi 3 a Busto Arsizio (Va). E non ci sarà solo il film, ma anche i giochi di Molleindustria, un collettivo di creativi che crea semplici videogame in Flash per fare critica attiva e intelligente ai meccanismi surreali del nostro sistema capitalista e globalizzato. Potrete provare di persona i videogiochi di Molleindustria, e intanto sorseggiare l’ottima birra artigianale Orso Verde e rifocillarvi con bruschette vegetariane e non. Tutto, naturalmente, a ingresso gratuito!

26per1 vi aspetta tutti, quindi, il 14 luglio alle ore 21.30 nel cortile di Migrando, in via Pozzi 3 a Busto Arsizio (Va). Ingresso libero e gratuito.

Per aggiustare il mondo.





Mostar United – 7 luglio nel cortile di Migrando

1 07 2011

Continua il ciclo di proiezioni e parole a cura dell’Associazione 26per1 in collaborazione con Migrando la Bottega nell’ambito di Corteincircuito 2011.

Giovedì 7 luglio la corte di via Pozzi 3 ospiterà Mostar United di Claudia Tosi, secondo classificato al Trieste Film Festival 2009 (premio del pubblico) e miglior documentario al Sarajevo Film Festival 2009.

Il ponte di Mostar a cavallo della Neretva non collega solo due sponde, ma due storie e due mondi contrapposti, obbligati a vivere insieme in nome di un paese, la Bosnia, che entrambi condividono. Distrutto da un bombardamento bosniaco-croato il 9 novembre 1993, a conclusione di un’offensiva durata settimane contro il quartiere bosniaco-musulmano, fu ricostruito in una decina di anni. Oggi più che mai torna ad essere simbolo di un incessante tentativo di superare i nazionalismi e di consegnare alle nuove generazioni una Mostar diversa. La brava Claudia Tosi ci racconta il conflitto tutto interiore di chi, dopo aver combattuto la guerra con le proprie braccia, crede nel cambiamento di mentalità e desidera profondamente che il sentirsi cittadino di Mostar non prescinda dal coesistere pacifico di entrambe le etnie. Ricostruire il senso perduto dell’unità è l’obiettivo di Mensud che, allenando una squadra giovanile di calcio, dimostra come un derby nella Mostar di oggi, avvelenata dal nazionalismo, significhi per le nuove generazioni mettere in discussione la propria identità e il proprio senso di appartenenza. Sullo sfondo l’Unione Europea, miraggio di pace e realizzata, il ricordo di Tito e le gare di tuffi dal ponte che da anni ne incantano gli osservatori. Indiscusso fil rouge è la storia di Dzenan, piccola promessa del calcio, che sogna un ingaggio altrove, magari in Germania, dove la gente, ai suoi occhi, si relaziona in un modo differente e migliore.

Prima della proiezione, aspettando che faccia buio, letture e musica dedicate ai balcani e alla città di Mostar. Come di consueto, durante la serata sarà possibile rinfrescarsi con una nuova qualità di birra artigianale Orso Verde e soddisfare l’appetito con stuzzicanti bruschette. Naturalmente, la Bottega Migrando sarà aperta per clienti e visitatori fino alle ore 24.

L’ingresso, come sempre, è gratuito.

Giovedì 7 luglio, alle ore 21.30 nel cortile di Migrando in via Pozzi 3 a Busto Arsizio, 26per1 vi porta nei Balcani. Non mancate.





Ju tarramutu – 30 giugno nel cortile di Migrando

24 06 2011


L’Aquila ci fa male. Perchè, quando due anni fa ha tremato, crollando su se stessa, era così vicina a noi. Perchè, a due anni e passa da quel 6 aprile 2009, le macerie sono ancora tutte lì. Ci fa male, perchè il terremoto ha ribaltato un castello di carte tenuto insieme con lo sputo e la sabbia da uomini senza scrupoli. Ci fa male perchè ci sbatte sotto gli occhi l’Italia che siamo, un paese in rovina che affonda nella melma della corruzione e dell’illegalità.

Giovedì 30 giugno, nell’ambito di Corte in Circuito, 26per1 vi invita a dedicare una serata alla città dell’Aquila. Nel cortile di Migrando La Bottega, in via Pozzi 3 a Busto Arsizio, ci sarà la proiezione, ad ingresso gratuito, di Ju tarramutu, un film realizzato da Paolo Pisanelli e prodotto da Za Lab (la stessa casa di produzione di Come un uomo sulla terra e Il sangue verde). Il film è stato presentato al pubblico lo scorso 6 aprile, anniversario del sisma, proprio all’Aquila, oltre che in molte sale cinematografiche italiane. Ha vinto molti premi e raccolto un grande successo. Dalle nostre parti non è mai passato: ve lo portiamo noi.

Oltre a Ju tarramutu, 26per1 vi presenta anche un libro. Terremoto, edito da Terre di Mezzo, è una raccolta di racconti firmata da Enrico Macioci, uno scrittore aquilano. Dalle sue parole trarremo anche un reading, con accompagnamento musicale.

Di contorno, per rinfrescare l’atmosfera, la prestigiosa birra artigianale Orso Verdebruschette da stuzzicare e la Bottega Migrando aperta fino alle 24.

Vi aspettiamo, dunque, il 30 giugno, nel cortile di Migrando, in via Pozzi 3 a Busto Arsizio. Tutto inizia alle ore 21.30 e l’ingresso è gratuito.

Non mancate. Siamo tutti aquilani.





I dannati del mare – 23 giugno nel cortile di Migrando

16 06 2011

Quest’estate 26per1 riempie i vostri giovedì sera con un ciclo di quattro iniziative, inserite nel programma di Corte in Circuito 2011. Quattro appuntamenti nel cortile di Migrando la Bottega, in via Pozzi 3 a Busto Arsizio, tutti rigorosamente a ingresso gratuito. Documentari, reading, attualità, e molto altro, il tutto annaffiato dalla prestigiosa e buonissima birra Orso Verde: durante ogni serata sarà possibile degustare una differente qualità della pluripremiata birra artigianale di Busto Arsizio.

Si comincia giovedì 23 giugno, alle ore 21, con la proiezione del documentario I dannati del mare, del regista marocchino Rhalib Jawad. La serata è organizzata in collaborazione con la Mediateca delle Terre e con CAST – Centro per un Appropriato Sviluppo Tecnologico. I dannati del mare ci porta ad Essaouira, una piccola città marocchina sulla costa Atlantica. Una volta era il primo porto al mondo per la pesca delle sardine, ma oggi il pesce ha abbandonato le sue acque. Migliaia di piccoli pescatori marocchini di Essaouira, Safi e Agadir si sono trasferiti a sud fino a Dakhla, nel Sahara, con la speranza di trovare pesce. A quel punto inizia una battaglia infernale, i pescatori disperati, contro i pescherecci a strascico stranieri che li hanno privati dei loro mezzi di sussistenza, dragando le acque con enormi reti in grado di distruggere interi ecosistemi. Chi si prenderà la responsabilità di questa sentenza di morte?

Il film ha vinto il premio del pubblico al Festival Vision du réel 2009, il premio come miglior documentario al Festival International du Film PanAfricain 2009  e il premio speciale Principe Ranieri III al Festival de Télévision de Monté-Carlo. Durante la serata sarà presente un banchetto tenuto dai volontari del CAST di Laveno Mombello, per informare sul progetto Wavuvi, che sostiene la pesca artigianale in una delle regioni più povere dell’Africa. E, naturalmente, la Bottega del Commercio Equo e Solidale Migrando sarà aperta fino alle ore 24.

Ti aspettiamo nel cortile di Migrando, giovedì 23 giugno, alle ore 21. L’ingresso è gratuito!