La locandina, ecco la locandina

10 08 2012

Ci siamo, manca pochissimo alla quarta edizione di Paesaggi Sonori, l’ultima prima della fine del mondo. Ecco la locandina, nei prossimi giorni tutti i dettagli.

 





PAESAGGI SONORI. Tra poco siamo a tre.

23 08 2011

Amici, ci siamo. Ormai manca meno di un mese. 
26per1
torna, per il terzo anno consecutivo, con l’unico festival di musica violenta, amore e autoproduzione della solare e scoppiettante provincia di Varese: PAESAGGI SONORI.
Il nostro festival compie tre anni e quindi tre saranno le giornate a nostra disposizione per dimostrarvi che esiste un modo differente di concepire e trattare musica, arte e cultura: 16, 17, 18 settembre 2011 presso l’Area Feste del Comune di Cardano al Campo, VA.

In tre anni non sono cambiati i nostri obiettivi: niente rockstar attira-folle, le lasciamo agli altri, niente serate scontate e banali. Non abbiamo mai ragionato nell’ottica del “quanta gente ci porta questa band?”, non abbiamo mai ragionato nellìottica del “quanto incasso facciamo organizzando questa serata?”. Piuttosto, abbiamo sempre scavato nel  sottobosco culturale, musicale in particolare ma anche artistico/creativo, che il nostro Paese continua a offrire. Siamo sempre partiti dal basso nella nostra ricerca e continueremo a farlo, cercando di dare più luce possibile a chi crediamo se la meriti veramente, creando eventi unici, quello che molti si trovano costretti a cercare altrove.

Quest’anno PAESAGGI SONORI si allunga di un giorno e ospita alcuni dei gruppi migliori che la scena musicale indipendente possa offrire, provenienti da tutta Italia. Si parte il venerdì, all’insegna della contaminazione tra emo, shoegaze e post-punk, con Verme, Gazebo Penguins e Cosmetic. Si prosegue il sabato con la sperimentazione di  Last Minute To Jaffna, Bemydelay, Zeus! e dei gruppi locali  Orbe e Downhead. La domenica, largo alla contaminazione di generi: il folk di Bob Corn e de L’orso, l’indierock dei Soviet Malpensa, il  techno-tribalismo degli  Hard Core Tamburo,  il blues fantascientifico dei The Cyborgs.

Ma non vogliamo limitarci alla sola musica. Vogliamo di più, non vogliamo certo accontentarci di offrirvi una semplice festa della birra con musica strana. Ecco perchè abbiamo deciso di creare l’Area Distro e creare un programma parallelo di eventi collaterali ai concerti.
Tra gli alberi dell’Area Feste di Cardano al Campo, nuovo spazio scelto per PAESAGGI SONORI, si allestisce  uno spazio espositivo e di vendita con gli  stand di etichette discografiche e di autoproduzione musicale&non. Gestita in collaborazione con gli amici di Frohike, nostro partner organizzativo per l’edizione 2011 del festival, l’Area Distro offre una panoramica sulla fervente scena di  produzione e distribuzione musicale&non alternativa ai circuiti tradizionali e commerciali.
Passando al programma parallelo, parliamo innanzitutto di workshop. In apertura dei concerti di venerdì 16 settembre, il laboratorio artigianale CorpoC presenta un workshop di serigrafia che coinvolgerà il pubblico nella realizzazione delle magliette ufficiali del festival. Scoprite come si creano e poi fatele vostre!
Durante la serata di venerdi, un’atipica presentazione letteraria:  Claudio Rocchetti, uno dei più importanti e conosciuti esponenti della scena musicale sperimentale italiana, ha passato mesi ad esplorare il mondo sommerso della musica metal nostrana, catalogando centinaia di loghi e moniker di band, che ha poi deciso di raccogliere all’interno di Dirty Armada, il primo libro dei loghi metal italiani.
La serata di sabato 17 settembre si apre con la presentazione della neonata etichetta musicale Viva!Records che, come primo progetto, ha in cantiere la realizzazione di  una compilation con il meglio dei gruppi emergenti  del territorio. Tutti gli artisti e le band locali sono invitati a partecipare, lasciando le proprie demo ai responsabili di Viva!Records perché possano selezionare brani da inserire nell’album.
Da sempre, a PAESAGGI SONORI, c’è spazio anche per il cinema e per la video arte. Questa edizione vede la collaborazione con il Dr Phibes, alias Roberto Della Torre, prof di Storia del cinema italiano e responsabile dell’Archivio della Cineteca Italiana, che accompagnerà le esibizioni dei gruppi con la proiezione di film in contemporanea ai concerti per tutti e tre i giorni del Festival. Il venerdì il prof si dedicherà ai film “di paura”, con cortometraggi, trailer, sequenze, film e altro ancora dall’oscuro mondo del cinema horror. Al termine dei live, film di mezzanotte: Lasciami entrare, dello svedese Tomas Alfredson. Durante i concerti del sabato, Dr Phibes ci condurrà nel mondo dell’animazione, con corti inediti e, dopo la mezzanotte, film a sorpresa con il Cineforum clandestino. Dalle 21 alle 24 di domenica, il prof ci farà scoprire film poco o mai visti, con trailer d’annata e spezzoni ultra rari.
Si rinnova anche la collaborazione con Uranusweg, collettivo di video artisti, che proietterà il proprio spettacolo di visual mapping all’interno del parco dell’Area Feste assieme alle suggestive proiezioni analogiche di Mangrovia, autore della locandina e di tutto il materiale promozionale dell’evento (compresa la grafica delle magliette realizzate durante il  workshop serigrafico).
Un altro importante appuntamento sarà, sabato 17 settembre, la proiezione di AUGE, video di animazione del video artista polacco Caith Sith con colonna sonora originale dei Viscera///, progetto finanziato da Frohike.
E poi live painting con il fumettista Rouge, inventore dei caustici Vermi e reading con la presentazione dell’ebook di 26per1 Per Genova, dieci anni dopo, realizzato in occasione del decennale del G8 a sostegno del Comitato Verità e Giustizia per Genova. Poi sarà la volta di Simone Rossi che presenterà in anteprima il suo nuovo libro autoprodotto
Croccantissima, accompagnato da chitarra&contrabbasso.

PAESAGGI SONORI non vi lascia a stomaco vuoto. La cucina, aperta per tutta la durata del Festival, accontenterà tutti i palati, dai tradizionalisti della salamella ai raffinati dell’insalata. Vegetariani, vegani e carnivori, ce n’è per tutti i gusti. E poi, naturalmente, vino, birra e spuma. Venite pure a cena, che prima delle 21 si entra gratis!
Ecco, a proposito: l’ingresso, a PAESAGGI SONORI, quest’anno funziona così. Prima delle 21 si entra sempre gratis, tutti i giorni. Dopo le 21, costa 5 euro, tutti i giorni. I soci dell’Associazione 26per1, però, entrano sempre gratis. Tutti possono diventare soci, i dettagli li potete leggere QUI.

Questo è solo un assaggio, il programma completo, con tutti i dettagli lo potete trovare sul nostro profilo Tumblr dedicato al festival: paesaggisonori.tumblr.com
Per seguire tutti gli aggiornamenti: evento FB / pagina FB / evento Last.fm

Quindi, ricapitolando, aprite le agende, accendete gli smartphone, prendete i post-it, e segnate:

PAESAGGI SONORI 2011
16 / 17 / 18 SETTEMBRE
AREA FESTE – VIA CARREGGIA
CARDANO AL CAMPO – VARESE

Evento organizzato da 26per1 in collaborazione con Frohike
con il patrocinio del comune di Cardano al Campo
un evento promosso da ViVa! Magazine





PaesaggiSonori2010: ci siamo.

10 09 2010

Il grande momento è, finalmente, giunto: oggi, alle 20.00, si aprirà la seconda edizione di PaesaggiSonori, al Parco Primerano di Cascina Costa (frazione di Samarate – Varese). Undici band live, la proiezione de Lo Svarione degli Anelli III – Il Ritorno del Padrino, tante bancarelle di arte e autoproduzione, performance di visual e di guerriglia a 8 bit, molta più roba da bere e da mangiare, workshop ed esibizioni… tutto questo bendiddio vi aspetta stasera, venerdì 10 settembre, dalle 20.00, e domani, sabato 11 settembre, dalle 17.00. Noi ce l’abbiamo messa tutta, ora tocca a voi.

Piccola novità di quest’anno: l’ingresso, come per quasi tutte le nostre iniziative, è libero e gratuito. Non ci piace assegnare prezzi per quello che, a nostro avviso, dovrebbe essere alla portata di qualunque tasca. Però il prezzo lo puoi fare tu. Vieni a PaesaggiSonori, ascolti la musica, mangi il panino, annusi l’aria e ti riempi gli occhi, e poi, all’uscita, se vuoi, decidi tu il valore di quello che hai visto/ascoltato/assaporato. Togliamo di mezzo le parole “clienti” e “pubblico”, e ognuno si prenda la sua piccola parte. It’s up to you.

Indicazioni per arrivare:

AUTOSTRADA MI-LAGHI (A8)
USCITA BUSTO ARSIZIO
PROSEGUIRE PER SUPESTRADA IN DIREZIONE “MALPENSA”
USCITA SAMARATE
ALLA ROTONDA PRENDERE A SINISTRA
PROSEGUIRE DRITTO ALLE VARIE ROTONDINE
AL SEMAFORO PER CASCINA COSTA/AGUSTA SVOLTARE A DESTRA
PROSEGUIRE DRITTO PER DUE ROTONDE FINO ALL’INGRESSO DI CASCINA COSTA

Il programma di PaesaggiSonori

Venerdì 10 settembre, dalle 20.00:

  • Gouton Rouge noise, post-xxx, certi Kyuss e certi Verdena. Gioventù sudata. From Busto Bruciata.
  • King Suffy Generator gli anni ’70 non sono mai finiti. Da Verbania, postrock con un pizzico di prog, quello figo coi tastieroni. Grandissimi dal vivo.
  • The Disgrazia Legend il Monte Disgrazia miete ancora vittime. Da Milano, post-HC à la Breach, Unsane, Will Haven, Neurosis.
  • Karl Marx Was A Broker basso-batteria da Pistoia. Colonna sonora di pedinamenti e inseguimenti a sirene spiegate.
  • Lili Refrain one-girl-guitar-band da Roma. Neo-folk, psichedelia, minimalismo mètallaro. Loop Station is the reason.

Sabato 11 settembre.

Ore 17.00:

ANTEPRIMA NAZIONALE LO SVARIONE DEGLI ANELLI 3 – IL RITORNO DEL PADRINO. Una grande esclusiva, dai ragazzi di Clistere.org, per 26per1 e PaesaggiSonori2010!

Dalle 19.00:

  • Elena Taverna popfolk acustico per iniziare dolcemente la serata. Con una voce vellutata. E il paninozzo in mano. Connubio milanès/barcellonès.
  • There Will Be Blood blues lordo di rocknroll e una ventata di hardcore. Primo live ever. Novità e songs in arrivo! From B.B.
  • Three Steps To The Ocean 80 concerti in 3 anni tra Italia e Europa. Una forma strumentale in continua evoluzione. Post-HC ad alto volume from Milano.
  • Dyskinesia “La speranza è per i disperati.” Claustrofobia e agorafobia, senza via di scampo. Da Piacenza il muro del suono. Tra i più attesi.
  • Nohaybandatrio polistrumentismo. Chitarbassismo. Saxofotastierismo. Purcussiobatterismo. Sperimentaljazzismo. Imperdibilismo. De Roma.
  • Morkobot Lin, Lan e Len (i messaggeri di MoRkObOt) assoggettano la popolazione altomilanese con la voce del GETAL, due bassi e batteria. From L’odi. L’odi a MoRkObOt!

Nel frattempo, e un po’ a sorpresa, performance Live a 8 Bit di A Rotten Bit e di Mr.Sauli.

Venerdì e sabato, appena fa buio: spettacolo di visual e visual mapping a cura di Uranusweg.

Stand, bancarelle, esibizioni e dimostrazioni di artigianato sostenibile, creatività, do it yourself e… chi più ne ha più ne metta.

E poi… C’è la birra e c’è il vino, l’acqua e le bibite… ma anche una cucina aperta per tutta la durata del festival, ed estremamente ricca e variegata: dal classico panino con la salamella a piatti vegetariani, avrete di che rifocillarvi!

Grazie al Comune di Samarate e ai nostri sponsor: Viva! Mag, Coop, Arsenico, Music Works, Pacific Wear, Migrando La Bottega.

Vi aspettiamo. Tutti quanti.





PaesaggiSonori2010: Le Bands! – Sabato 11 settembre

7 09 2010

MORKOBOT. Lin, Lan e Len (i messaggeri di MoRkObOt) assoggettano la popolazione altomilanese con la voce del GETAL, due bassi, batteria e pedaliere kilometriche. From L’odi. L’odi a MoRkObOt! Una band che ormai è una certezza in termini di qualità, potenza, originalità e pazzia. Leggetene le incredibili gesta sul loro MoRkObLoG.

Prima di loro:

NOHAYBANDATRIO. Polistrumentismo. Chitarbassismo. Saxofotastierismo. Purcussiobatterismo. Sperimentaljazzismo. Imperdibilismo. Un chitarrista che è anche bassista (contemporaneamente). Un sassofonista che è anche tastierista (contemporaneamente). Hanno collaborato con gentaglia tipo Zu, Meg, Okapi e molti altri. Scusate se è poco. De Roma.

DYSKINESIA. “La speranza è per i disperati.” Claustrofobia e agorafobia, senza via di scampo. I Dyskinesia scorrono come un fiume di magma, nero in superfice, rovente in profondità. Una voce aliena, feedback, attacchi doom e tonnellate di distorsione. Da Piacenza il muro del suono. Tra i più attesi.

THREE STEPS TO THE OCEAN. 80 concerti in 3 anni. Una forma strumentale in continua evoluzione, portata costantemente fuori dalla provincia, fuori dalla regione e fuori dall’Italia. Non sono poi molte le band locali a varcare i confini, che siano essi territoriali o musicali. Post-HC strumentale ad alto volume from Milano.

THERE WILL BE BLOOD. Blues lordo di rocknroll e una ventata di hardcore. Primo live ever. Niente video, Paesaggi Sonori ha l’anteprima live di una band che promette brezza fresca alle nostre serate. Due chitarre, batteria, voce, cappello di paglia e piantagioni di tabacco. Nuovi pezzi online, check them out! From B.B.

ELENA TAVERNA. Popfolk acustico per iniziare dolcemente la serata. Con una voce vellutata. E il paninozzo in mano. A nostro modestissimo parere, Elena Taverna arriva dove molti blasonati cantautori italiani non arrivano. Connubio milanès/barcellonès.

————————————————————————————————————-

Nel frattempo, e un po’ a sorpresa:

A R O T T E N B I T. Lo conoscete già. Sì, è quello che suona i gameboyS. E spazia dalla techno al rocknroll, dall’elettronica al metalcore. Ma sempre con gli 8-bit targati Nintendo. Se non lo conoscete, temiamo che dobbiate rimediare.

MR SAULI. Invece lui non lo conoscete. Ma suona anch’egli i gameboyS. Solo ci attacca degli altri marchingegni e fa una caciara un po’ diversa, ma che continua a piacerci tanto. Mentre suona, ci sono anche i visuals di Frohike.

Siate pronti, che è quasi ora.

Ci vediamo a PaesaggiSonori, sabato 11 settembre, al Parco Primerano di Cascina Costa (fraz. Samarate, Varese). I concerti del sabato iniziano alle 19.00, ma prima – alle 17.00 – c’è la proiezione dello Svarione degli Anelli, con gli autori. E prima ancora, il venerdì, dalle 20.00, altri concerti. Organizza 26per1, col patrocinio del comune di Samarate, e tutto quello che avete bisogno di sapere lo trovate qui.





PaesaggiSonori2010: Le Bands! – Venerdì 10 settembre

3 09 2010

LILI REFRAIN. One-girl-guitar-band da Roma. Neo-folk, psichedelia, minimalismo mètallaro. Loop Station is the reason. Lili suona, registra, rimanda in loop e ci risuona sopra. Lili non assomiglia a praticamente nulla che ti venga in mente. Solo chitarra elettrica e voce, ma in mille forme diverse. Tra gli ospiti più attesi, concluderà la serata del venerdì.

Prima di lei:

KARL MARX WAS A BROKER. Basso-batteria da Pistoia. Colonna sonora di pedinamenti e inseguimenti a sirene spiegate. Jazzcore grooves (ZU?), riff metal (Meshuggah?), passaggi indie-noise (NoMeansNo?). Band strumentale…ma, geniali, sul loro myspace si trovano pure dei testi.

THE DISGRAZIA LEGEND. Il Monte Disgrazia miete ancora vittime. Da Milano, post-HC à la Breach, Unsane, Will Haven, Neurosis. Non sono poi tanti i gruppi italiani ad avere suonato in lungo e in largo in Europa ed aver condiviso il palco con gruppi enormi. Loro sì. Coi tempi dispari e le dissonanze.

KING SUFFY GENERATOR. Gli anni ’70 non sono mai finiti. Da Verbania, postrock con un pizzico di prog, quello figo coi tastieroni. Ma anche feedback e xilofono. Alla festa di compleanno degli Ozric Tentacles, una macchia di Pink Floyd su un tappeto di Mogwai (rende l’idea?).

GOUTON ROUGE. Giovani speranze. Noise, post-xxx, certi Kyuss e certi Verdena. Gioventù sudata. From Busto Bruciata.

Cominciate a prepararvi le orecchie.

Ci vediamo a PaesaggiSonori, venerdì 10 settembre a partire dalle 20.00 (e poi sabato 11 dalle 17.00 in poi). PaesaggiSonori è al Parco Primerano di Cascina Costa (fraz. Samarate, Varese). Organizza 26per1, col patrocinio del comune di Samarate, e tutto quello che avete bisogno di sapere lo trovate qui.