Di terra e di cielo: Case Abbandonate – 26 maggio, ore 21

20 05 2011

26per1 vi invita al secondo appuntamento bustocco della rassegna cinematografica “Di terra e di cielo”, organizzata dall’associazione varesina Filmstudio 90 in collaborazione con CAI, LIPU, Legambiente e molti altri. Un ciclo di film dedicato alla natura e all’ambiente, uno sguardo attraverso il linguaggio del documentario che racconta il rapporto tra l’uomo e la natura.

Il 26 maggio, alle ore 21, presso la sede ANPI di via Ferrer, 47, a Busto Arsizio, ci sarà la proiezione a ingresso gratuito di Case abbandonate, di Alessandro Scillitani e Mirella Gazzotti

Un’opera unica e straordinaria sulle case abbandonate d’Italia, sulle loro leggende e i loro fantasmi, metafore della rovina del paesaggio e della rovina collettiva delle menti. Attraverso il contributo di poeti, scrittori, artisti, architetti e storici, un’indagine a 360° su un immenso patrimonio dimenticato di cui l’Italia abbonda e non vuole farsene più niente.

Un percorso attraverso la penisola alla ricerca di luoghi non più abitati, nella consapevolezza che parlare di rovine è anche parlare di noi, del nostro passato e del nostro arido presente sempre più affetto dalla mancanza di memoria. Alla ricerca della memoria e del potere dei luoghi, ma anche un implicito atto d’accusa verso un’inqualificabile politica del territorio.

Per chi lo vorrà, al termine della proiezione, sarà possibile associarsi a 26per1, sottoscrivendo la tessera annuale. Associarsi a 26per1 è il modo più semplice e diretto, non solo per sostenere le attività dell’Associazione, ma anche per farne parte in modo attivo e propositivo.

Vi aspettiamo, giovedì 26 maggio, alle ore 21, presso la sede ANPI di via Ferrer, 47.

INGRESSO GRATUITO!





Per Genova, dieci anni dopo.

14 03 2011

[Attenzione attenzione: la scadenza del bando Per Genova, dieci anni dopo è prorogata al 30 giugno 2011!]

Da dieci anni Genova non è più solo una città.

Pensiamo “Genova”. E non è solo un luogo, quello che ci viene in mente: non la patria natia di Cristoforo Colombo e di Eugenio Montale, non la casa di un famoso acquario, non quel posto dove fanno tanto bene il pesto. Non una delle quattro Repubbliche Marinare, non il porto antico, affacciato sul Mediterraneo, non il capoluogo della Liguria.

Pensiamo “Genova”, da dieci anni, e ai carruggi aggrappati alle colline si sostituiscono altre immagini, altri colori: il blu e l’azzurro di certe divise, il bianco vernice di certe mani, il rosso di certo sangue.

Dove eravate, voi, in quel luglio di dieci anni fa? Eravate lì, a Genova, in mezzo a quei colori? Oppure incollati alla tv, o alla radio, ad ascoltare increduli le cronache di quei giorni? Eravate in interrail, in giro per l’Europa, a leggere dell’Italia sui quotidiani stranieri? Oppure al mare, a prendere il sole, o al lavoro, a sudare uno stipendio? Eravate troppo piccoli, oppure troppo vecchi per scendere in piazza? Dove eravate, prima di Genova? E dopo? E dove siete, adesso?

“Voi G8, noi 6 miliardi” era uno degli slogan che risuonavano tra le strade di Genova e nelle teste di molti, in quel 2001, dieci anni fa. In quei giorni di luglio, Genova ha smesso di essere solo un luogo e si è moltiplicata in mille storie, eventi, significati. Per i trecentomila che erano lì, e per tutti gli altri, che erano da un’altra parte. Perché, come cantava un certo signore di Genova, “per quanto voi vi crediate assolti, siete per sempre coinvolti”.

Questo non è un bando, perché non è un concorso. Non si vince niente, se non la possibilità di dare un corpo alla propria voce. Questo è un appello, una chiamata al ricordo, alla riflessione, all’immaginazione. Lanciamo la rete della memoria, per vedere cosa resta impigliato. Scriveteci di Genova, va bene qualsiasi cosa: un racconto, un aneddoto, una poesia, un saggio, una storia, un’impressione. A dieci anni da Genova, possiamo fare bilanci, chiederci quali sono state le conseguenze, domandarci a cosa è servito. Possiamo ricordare. Possiamo, finalmente, anche celebrare i giorni di quell’estate che, a dispetto della storia ufficiale, erano pieni, davvero, di un altro mondo possibile.

Mandateci i vostri scritti a associazione26per1@gmail.com, entro il 30 giugno 2011: ne faremo un e-book e lo consegneremo, gratuitamente, all’intelligenza collettiva della Rete. I contributi migliori, diventeranno di carta, stampati su un libro che pubblicheremo, promuoveremo, diffonderemo. Il ricavato del volume, una volta ripagate le spese di stampa, verrà devoluto al Comitato Verità e Giustizia per Genova. Non riceverete nessun premio in denaro, di quelli che di solito ci sono nei concorsi, ma vi diamo la nostra parola che le vostre voci non passeranno invano: faremo tutto ciò che possiamo perché questo progetto sia visto, letto, ascoltato da quante più persone. Perché la memoria diventa condivisa solo se chi ricorda ha l’occasione per essere ascoltato, letto, creduto, considerato.

Quindi, sedetevi lì e pensate a Genova: allargate il campo, oppure stringete sul dettaglio. Liberate i ricordi, e le parole. Se la memoria è un ingranaggio collettivo, ha bisogno anche del vostro olio. Se “le storie sono asce di guerra da disseppellire”, come dice Wu Ming, questa è un’ottima occasione per farlo.

Scarica il pdf.

QUALCHE ISTRUZIONE:

  • Non ci piace mettere limiti alle parole, ma ricordate che lo scopo di questo progetto è realizzare un lavoro collettivo. Non esagerate, dunque, con lo “spazio” che vi prendete: per darvi un’indicazione di massima, cercate di non andare oltre le 5 o 6 cartelle. Se poi sono 8 va bene uguale, ma ricordatevi sempre che il risultato finale sarà più bello e ricco se riuscirà a mettere insieme una pluralità di voci.
  • Mandateci vostri scritti nella versione definitiva che vorreste fosse pubblicata. Non chiedeteci di fare un lavoro di editing o di selezione. Fatelo voi. Se avete molte pagine, scegliete quelle che considerate più importanti e significative, e inviatecele.
  • Spediteci i documenti come allegato alla mail, possibilmente in un formato di Word o di OpenOffice.
  • Sono graditissimi anche disegni, fumetti, fotografie, etc. L’importante è che ce li inviate in formato digitale, così come i racconti. E vale lo stesso discorso sulla selezione: scegliete voi il materiale che più vi sembra giusto diffondere.
  • Un’ultima preghiera: passate parola! Diffondete questo appello il più possibile, ditelo ai vostri amici, pubblicatelo sui social network. La rete della memoria si tiene nelle mani di tutti.