Grazie

19 09 2011

26perpaesaggisonori

A volte la sfortuna si accanisce su qualcosa o qualcuno e quest’anno, diciamolo, si è un po’ accanita su Paesaggi Sonori. Dopo un meraviglioso ed indimenticabile venerdì sera di fine estate, in cui avete ballato, urlato, pogato, cantato a squarciagola, il sabato improvvisamente l’autunno si abbattuto su Cardano al Campo, costringendoci al coperto, in uno spazio inevitabilmente più angusto. Come se non bastasse, domenica sono arrivate le inondazioni, le autostrade interrotte, le rinunce dell’ultimo momento… Ma noi non ci siamo dati per vinti e nemmeno voi. Abbiamo continuato a fare musica, proiezioni, reading, magliette, salamelle, patatine, workshop, cinema, live painting, libri. E continueremo a farlo, in barba alla sfiga, e all’inverno che arriva.

Quindi, grazie, grazie davvero. Prima di tutto ai volontari e alle volontarie che con il loro lavoro gratuito hanno reso realtà Paesaggi Sonori. Grazie a chi ha suonato, cucinato, letto, spillato, proiettato. Grazie a chi è venuto, chi ha cantato, chi ha ballato, chi ha bevuto, chi ha mangiato, chi ha ascoltato. Grazie anche a chi è rimasto bloccato in autostrada e a chi ha imprecato contro il tempo.

Grazie a tutti. Ci si ribecca presto.





Per Genova, dieci anni dopo: ecco l’e-book

12 09 2011

per genova, foto di carlo rizzi

Avete risposto in tanti, alla nostra chiamata al ricordo, lanciata dalle pagine di questo blog, ormai sei mesi fa. Vi abbiamo chiesto di scrivere di Genova, di quei giorni di luglio del 2001, a dieci anni di distanza. Per ricordare, raccontare, celebrare Genova. I contributi che abbiamo raccolto, tra testi, disegni e immagini, sono trenta. Come promesso, li abbiamo trasformati in un e-book, che potete scaricare qua sotto.

Scarica l’e-book in formato pdf.

Scarica l’e-book in formato epub.

Scarica l’e-book in formato mobi (per Kindle).

A parte uniformare i testi secondo alcune regole redazionali, non siamo intervenuti sui lavori che ci sono pervenuti e li abbiamo inseriti integralmente nell’e-book, senza escluderne nessuno. L’e-book è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Non Commerciale – Condividi allo stesso modo Italia 3.0. Il che vuol dire che, adesso, sta a voi: scaricatelo, leggetelo e poi diffondetelo più che potete, attraverso ogni canale, Internet e non. Questo non è che l’inizio. Come abbiamo detto fin dal principio, la rete della memoria si tiene con le mani di tutti.

Questo non è che l’inizio, appunto. Presto procederemo alla selezione dei racconti per la pubblicazione dei racconti in un libro “vero”, di quelli di carta, che si sfogliano, si annusano, si prestano. Il ricavato della vendita di questi volumi sarà devoluto al Comitato Verità e Giustizia per Genova.

E poi, questo libro, lo portiamo in tour. Già domenica 18 settembre, durante il nostro Festival Paesaggi Sonori, a Cardano al Campo (Varese) presenteremo un breve reading tratto dai racconti pubblicati in questo e-book. Speriamo di poter replicare lo spettacolo anche in altre occasioni, accompagnando il libro su nuove strade.

Non è finita qui, dunque. Ci aggiorniamo presto. Per il momento, grazie a tutti voi. A quelli che hanno scritto, a quelli che hanno fotografato, a quelli che hanno disegnato. A quelli che hanno fatto girare il bando e a quelli che faranno girare l’ebook. A quelli che lo leggeranno e che lo faranno leggere. Grazie.





Grazie

13 09 2010

26per1 ringrazia tutti, ma proprio tutti, quelli che hanno fatto PaesaggiSonori2010.

I musicisti, gli espositori, gli instancabili volontari. I ragazzi dello Svarione degli Anelli, quelli della Consulta Giovani di Samarate, Uranusweg e gli amici di Frohike Records e tutte le associazioni che ci hanno dato una mano.

Quelli che hanno spillato le birre e fritto le patatine, chi ha montato un palco dentro una cascina e chi ha costruito una cucina dove non c’era niente. Ovviamente gli sponsor e il comune di Samarate per il patrocinio.

E chiunque sia venuto a fare anche solo un giro, chi si è fermato per tutti i due giorni. Chi ha dato un’offerta generosa al banchetto dell’Up To You, e anche chi non ha dato niente, se non la sua presenza.

Ecco un po’ di foto, per rinfrescarci la memoria.

Grazie a tutti, e all’anno prossimo. O anche prima.





un angolo di California

6 07 2010

Il video di un momento della serata in compagnia di Dead Western dalla California. Anche su Vimeo.

Grazie a tutti per essere venuti alla piacevolissima serata di giovedì scorso, nel cortile di Migrando. 26per1, Dead Western, A Lonely Rat, gli Uranusweg, la Bottega e la cooperativa Elaborando vi salutano e vi danno appuntamento alla prossima iniziativa… ormai sappiamo che  nulla può, davvero, fermarci!

Qui altre foto della serata.





Grazie, e alla prossima!

29 06 2010

Un caloroso (è proprio il caso di dirlo!) grazie a tutti i bagagliai che hanno partecipato a BAÜL, e ai loro proprietari!

La giornata di piena estate da un lato ci ha risparmiato la pioggia, dall’altro non ci ha aiutato con il suo clima afoso che, temiamo, ha finito per scoraggiare qualche curioso… Speriamo, però, lo stesso, che tutti – espositori, compratori, organizzatori, gente che è capitata lì per caso dopo aver trovato un nostro volantino – vi siate divertiti, condividendo per una giornata oggetti vecchi e nuovi, ricordi, baratti, caldo, ghiaccioli e racconti.

Alla prossima, probabilmente in autunno, chè le cantine, misteriosamente, non si svuotano mai del tutto e, sgranocchiando castagne e bevendo vino, c’è sempre da comprare, vendere e scambiare!

Ah, e nel frattempo… giovedì sera vi aspettiamo, tutti, gratis, al concerto di Dead Western + A Lonely Rat, con lo spettacolo di Visual Mapping, presso il cortile di Migrando La Bottega. Non potete mancare!





Alla prossima

25 04 2010

A tutti quelli che hanno voluto ricordare con noi, lunedì scorso, vedendo Lo stato di eccezione, e festeggiare con noi, oggi, 25 aprile, al Pranzo Resistente. A chi ha mangiato, bevuto e cantato; a chi ha cucinato, lavato, versato, strofinato; a chi ha raccontato e a chi ha ascoltato. A chi ha dato una mano, infinitamente preziosa e indispensabile: GRAZIE. La Resistenza continua, e anche 26per1. Qui un po’ di foto.

Alla prossima, e buona festa d’aprile.

25 aprile

Ecco, la guerra è finita.
Si è fatto silenzio sull’Europa.
E sui mari intorno ricominciano di notte a navigare i lumi.
Dal letto dove sono disteso posso finalmente guardare le stelle.
Come siamo felici.
A metà del pranzo la mamma si è messa improvvisamente a piangere per la gioia,
nessuno era più capace di andare avanti a parlare.
Che da stasera la gente ricominci a essere buona?
Spari di gioia per le vie, finestre accese a sterminio, tutti sono diventati pazzi,
ridono, si abbracciano, i più duri tipi dicono strane parole dimenticate.
Felicità su tutto il mondo è pace!
Infatti quante cose orribili passate per sempre.
Non udremo più misteriosi schianti nella notte che gelano il sangue e al rombo ansimante dei motori le case non saranno mai più così immobili e nere.
Non arriveranno più piccoli biglietti colorati con sentenze fatali,
Non più al davanzale per ore, mesi, anni, aspettando lui che ritorni.
Non più le Moire lanciate sul mondo a prendere uno qua
uno là senza preavviso, e sentirle perennemente nell’aria, notte e dì,
capricciose tiranne.
Non più, non più, ecco tutto;

Dio come siamo felici

Dino Buzzati





grazie

27 09 2009

Un enorme grazie al numeroso pubblico di paesaggiSonori: grazie per essere venuti, per aver inseguito la musica, trangugiato la birra, ammirato l’arte, sfidato la pioggia, agitato la testa al ritmo di una batteria (o due).

Grazie a tutti i musicisti e a tutti gli espositori.

Grazie infinite agli indispensabili volontari.

Vi vogliamo bene. Alla prossima, ragazzi.