sperimentAzione@PAESAGGI SONORI

1 09 2012

26per1

in collaborazione con Frohike

e con il patrocinio di

Regione Lombardia, Provincia di Varese e Comune di Cardano al Campo (Va)

presenta

L’Océan & Mechanics for Dreamers

a

Paesaggi Sonori

Sabato 8 settembre 2012

Area Feste, via Carreggia, Cardano al Campo (Varese)

Quest’anno 26per1 arricchisce la propria ricerca musicale con due progetti insoliti che si distinguono per l’attenzione che li sostiene e la spettacolarità dell’esibizione. Con le incredibili performance de L’Océan e Mechanics for Dreamers, 26per1 mostra al proprio pubblico le facce insolite della musica.

Entrambi i progetti si esibiranno Sabato 8 settembre a partire dalle 20h30 presso il palco Jungle Video.

  • L’Océan – 20h30, palco Jungle Video.

L’Océan è un progetto ambizioso a cura della Cooperativa Sociale GP2, realizzato interamente da un gruppo di persone con disabilità. Si tratta di un vero e proprio momento mistico, in cui il tempo sembra fermarsi e trasportare chi suona e chi ascolta in una dimensione metafisica di totale trasporto.

La perfomance è improvvisata e l’armonia tra percussioni e strumenti fai-da-te assoluta. Paesaggi Sonori li ha visti e voluti subito. Per averne un assaggio cliccate qui.

  • Mechanics for Dreamers – 24h00, palco Jungle Video.

Le abbiamo ribattezzate “Macchine di Fuoco” tra di noi perché la potenza e la spettacolarità della loro performance è qualcosa di primordiale e post-moderno al tempo stesso. Una macchina che sprigiona rumori spettrali e robotici in un’atmosfera infuocata. Il progetto prevede l’installazione di macchine meccanico-analogiche che producono suoni attraverso l’acqua, l’aria, il fuoco.

Le macchine sono sculture di un linguaggio nuovo che sorge dalla geniale trasformazione di materiali di riciclo e scarto industriale. Suoni, rumori e melodie nascono dal vulcano primordiale come dal mondo industriale. E a mezzanotte, quando tutto inizia e finisce, sarà il momento migliore per guardare ed ascoltare. Per un’anteprima consultate il loro sito.

Vi aspettiamo sabato 8 settembre dalle 19h45!





PAESAGGI SONORI Il programma è completo

24 08 2012

Amici, la quarta edizione di PAESAGGI SONORI è alle porte e, come promesso, ecco il PROGRAMMA.
Avete già segnato le date in agenda, ma noi ve le ricordiamo: giovedì 6, venerdì 7 e sabato 8 settembre. La location di quest’anno rimane l’Area Feste di via Carreggia a Cardano al Campo, nella sempre solare provincia di Varese: giovedì i cancelli si aprono gratis per tutti alle 20h, venerdì e sabato si entra dalle 19h45 con 5 euro a testa più una consumazione gratuita per chi arriva prima delle 21h00. I soci 26per1 entrano sempre gratis.

Tre giorni di concerti live, cinema, presentazioni editoriali, workshop creativi, videoproiezioni, reading, e performance artistiche di illustratori. In più cucina sempre aperta per vegani, vegetariani e cannibali, stand di distribuzione musicale e di etichette discografiche indipendenti: il catalogo è questo.

+ Orientarsi

Tre sono quest’anno le aree artistiche del festival:

Palco Rock’n’roll – vedrà alternarsi band musicali e one-man band;
Palco Jungle Video – zona dedicata alla proiezione di video, alle installazioni di video arte e ad altre perfomance artistiche;
Area Intenda – popolata da illustratori, fumettisti e scrittori, dedicata a workshop, disegni e letture.

+ Musica

Quest’anno il Festival ospita alcuni dei gruppi migliori che la scena musicale indipendente possa offrire, provenienti da tutta Italia, con un pizzico di varesotto in ogni serata. Si parte il giovedì, la serata più soft, con la delicatezza essenziale di My Dear Killer, la sincerità delle canzoni di Fabio Apash 2012 e il pop apocalittico dei Camillas.

Si prosegue il venerdì, dove protagonista è la contaminazione dei generi: il post-rock arioso dei Muschio, il punk-hardcore vacanziero  degli I like you ok, il blues paludoso del one-man band romano The blues against youth, e infine la rivoluzione del rap, conturbante e fastidiosa quanto basta, ad opera di Uochi Toki, band arci nota sulla scena nazionale.

Il sabato infine, largo alla sperimentazione: il luogo e il tempo si fermano con L’Océan: presso il Palco Jungle Video tessiture ambient, armonizzazione collettiva. Un progetto a cura della Cooperativa Sociale GP2. Si torna al Palco Rock’n’roll con la psichedelia bresciana dei Sunpocrisy, l’esperimento di vita artistica dei Downlouders, il putiferio sonoro dei grandissimi Putiferio. Headliner è il suono nero ed enorme dei Lento, che ha ormai riempito ogni centimetro cubo d’Europa e che 26per1 vuole a Cardano da Roma.

+ Cinema

Ogni sera, a conclusione dei concerti, si “spengono” le luci su una altro palco, quello Jungle Video. Paesaggi Sonori ha da sempre un debole per la settima arte e quest’anno sceglie di valorizzarla con una proposta che vi farà desiderare che la fine del mondo sia proprio così come lo schermo ve la mostrerà.
Si inizia giovedì, dalle 23.30 proiezione di Iron Sky (V.O. sub.), l’invasione aliena peggiore che potesse capitarci, quella dei nazisti, fuggiti nel 1945 sul lato oscuro della luna ed ora pronti a tornare a casa (!).

Venerdì, dalle 24 proiezione dell’acclamato Attack the block (V.O. Sub.), che ha fatto spanciare la platea del Festival del Cinema di Torino, e ha tutti i numeri per diventare un cult, compreso un sottofondo pulsante di electro-house.

Sabato infine il palco Jungle dalle 24 ospita gli episodi di Black mirror (V.O. sub.), miniserie fatta apposta per spaventare chi ha già un pessimo rapporto con la tecnologia.

+ Video Arte

Durante lo svolgimento dei concerti, il Palco Jungle Video proporrà una serie di installazioni video che riprendono capolavori sperimentali della settima arte per accontentare gli scontenti della musica.
Si parte venerdì al tramonto con Häxan / Witchcraft through the ages(1922 di Christensen), archetipo di ogni oscurità visiva, seguito alle 22h30 da Der Todesking(1989 di Buttgereit),  visionaria opera conturbante e magica. Sabato invece il calar del sole sarà accompagnato da Mothra vs Godzilla (1964 di Honda), un tuffo nel cinema scult, dalle 22h30, Trash Humpers (2009 Korine), uno dei più eccessivi film mai prodotti di un regista in concorso alla Biennale di Venezia 2012. In entrambe le serate potrete assistere una selezione dei video vincitori e finalisti dei Vimeo Video Award 2012, che saranno proiettati in loop dal tramonto fino a mezzanotte.

+ Letteratura

Quest’anno 26per1 ha scelto di dedicare ulteriore spazio ai progetti editoriali propri e altrui che ha ritenuto di alto valore artistico e sociale.
Si comincia giovedì sera alle 22h45 con Olimpiadi: l’imposizione di un sesso, di Elisa Virgili (ed. Mimesis), presso il Palco Jungle Video. Faremo due chiacchiere con l’autrice in merito alla scottante questione dell’intersessualità in ambito sportivo, e sulla crisi del binomio sesso-genere, attraverso il decostruzionismo Foucaultiano e la Queer Theory di Butlerana memoria.

Ricordate Ondecorte? A 26per1 non piaceva l’idea di concludere un progetto simile in una sola serata d’estate, quindi venerdì alle 23 presenterà Ondecorte vol. 1 presso l’Area Intenda. L’ebook raccoglie i testi che i giovani scrittori della Scuola Holden – Scrittura e Storytelling – Torino hanno scritto ispirandosi ai video vincitori dei Vimeo Awards 2012. L’ebook sarà scaricabile in loco da una piattaforma web dedicata e i video saranno visibili grazie ad un loop proiettato durante le serate di venerdì e sabato.

Sabato infine spazio al primo progetto editoriale cartaceo a cura di 26per1: Cara Genova, ti odio alle 23h00 presso Area Intenda. Il libro include una selezione dei racconti degli autori che hanno partecipato alla chiamata al ricordo di Per Genova, 10 anni dopo, un progetto di narrazione collettiva in formato ebook che 26per1 ha realizzato in occasione del decennale dal G8 di Genova e che ha portato a spasso per l’Italia con una performance live di successo.

+ Workshop, Live Drawing e Performance

Saranno Venerdì e Sabato le giornate dedicate alle performance e agli illustratori che vedremo all’opera sotto i nostri occhi. Questa volta dunque sono le arti plastiche e performative che 26per1 sceglie di portare a Paesaggi Sonori, continuando una tradizione che era già iniziata un paio d’anni fa.
Venerdì presso l’Area Intenda dalle 21h00 vedremo all’opera Berlikete, un po’ fiaba, un po’ incubo, uno dei messaggeri di Morkobot che nel tempo libero disegna mostri e altre cose così.

Sabato dalle 21h00 è il momento delle macabre curioserie deformi di vivaUltra e il tratto elegante e surreale di Daniele Paskuo Pasquetti, le cui opere ci accompagneranno per l’intera serata. A mezzanotte, presso Palco Jungle Video grandissima live performance di Mechanics for Dreamers: installazione di macchine meccanico-analogiche che producono suoni attraverso l’acqua, l’aria, il fuoco. Le macchine nascono dal riutilizzo creativo di materiali di riciclo e scarto industriale. Suoni, rumori e melodie nascono dal vulcano primordiale come dal mondo industriale.

Durante entrambe le serate, dalle 22h15 presso l’Area Intenda, Workshop di Serigrafia a cura di Frohike, partecipazione gratuita per il pubblico e possibilità di serigrafare il poster di Paesaggi Sonori 2012.

+ Distro

Musica indipendente sul palco, musica indipendente off stage. Tra gli alberi dell’Area Feste di Cardano al Campo, Paesaggi Sonori allestisce uno spazio espositivo e di vendita con gli stand di etichette discografiche e di autoproduzione musicale&non. Gestita in collaborazione con gli amici di Frohike, l’Area Distro offre una panoramica sulla fervente scena di produzione e distribuzione musicale alternativa ai circuiti tradizionali e commerciali. Gli spettatori potranno spulciare tra cd, tape e vinili autoprodotti e acquistare materiale musicale, discografico e anche letterario.

+ Cucina

Paesaggi Sonori non vi lascia a stomaco vuoto. La cucina, aperta per tutta la durata del Festival, accontenterà tutti i palati, dai tradizionalisti della salamella ai raffinati dell’insalata. Vegetariani, vegani e carnivori, ce n’è per tutti i gusti. E poi, naturalmente birra e bibite a volontà. Venite pure a cena, che prima delle 21 avrete anche una consumazione in omaggio! E nel weekend a mezzanotte spaghettata ad un euro!

Per ricapitolare, trovate il programma completo di Paesaggi Sonori 2012 sul nostro aggiornatissimo tumblr. E non dimenticate di dare un’occhiata anche a facebook, qui, qui e qui.

PAESAGGI SONORI 2012
6 / 7 / 8 SETTEMBRE
AREA FESTE – VIA CARREGGIA
CARDANO AL CAMPO – VARESE

Evento organizzato da 26per1 in collaborazione con l’associazione culturale Frohike
con il patrocinio della Regione Lombardia Settore Cultura, della Provincia di Varese e del Comune di Cardano al Campo





5×1000…a 26per1!

4 04 2012

Come lo scorso anno, puoi sostenere l’Associazione 26per1 in modo diretto, semplice ed automatico.

Come?
Donandoci il 5×1000 della tua dichiarazione dei redditi.

Sappiamo bene che le realtà che meritano di ricevere questo contributo sono tante. E che molte di esse svolgono, in senso assoluto, attività più preziose e rilevanti delle nostre.

Ciò che 26per1 ti chiede, tuttavia, è un’altra cosa. 26per1 ti chiede un 5×1000 a kilometro zero.

Devolvendo a noi il tuo 5×1000 ci aiuti in maniera diretta, supportandoci nelle nostre iniziative e soprattutto nella creazione di uno spazio di interazione sociale e culturale a Busto Arsizio, progetto che portiamo avanti fin dalla nascita della nostra Associazione e che oggi sentiamo più vicino.

►►► Come fare per devolvere a 26per1 il 5×1000?

E’ molto semplice: basta scrivere nell’apposito spazio di scelta il codice fiscale di 26per1.

►►► Il nostro codice fiscale è:

90036700129

Spargi la voce per il 5×1000 a kilometro zero!





Saverio Ferrari presenta “Fascisti a Milano”

9 01 2012

Diffondiamo e partecipiamo all’iniziativa organizzata dal Comitato Antifascista di Busto Arsizio per giovedì 19 gennaio alle ore 21:00 presso la sala ANPI di via Ferrer 43, Busto Arsizio.

Saverio Ferrari, esponente dell’Osservatorio Democratico Sulle Nuove Destre, presenterà il suo ultimo ultimo libro “Fascisti a Milano, un viaggio informativo nell’ampia galassia dell’estrema destra milanese con la forma dell’inchiesta giornalistica. Una breve intervista a Saverio e informazioni in più sul libro si possono trovare a questo link.

Per non scordarsi il passato, saper leggere il presente, anche quello vicino a noi, e guardare al futuro, ci vediamo giovedì 19.

26per1 torna presto con una serie di cose, rimanete con noi.





Aggratis

17 11 2011

E’ notizia di questi giorni che AGESP, azienda municipalizzata del comune di Busto Arsizio che, fra le altre cose, è deputata alla gestione del patrimonio comunale, abbia lanciato un “concorso di idee” per un ipotetico recupero dell’ormai celeberrimo Calzaturificio Borri, struttura di innegabile valore storico ormai fatiscente, acquistato dal Comune di Busto Arsizio, a peso d’oro, ormai più di dieci anni fa (giunta leghista di Gianfranco Tosi, oltre all’acquisto si parlava di ipotetiche destinazioni di utilizzo già allora).

Questo “concorso di idee”, il cui testo si può consultare nella versione originale a questo indirizzo, pone a nostro avviso delle strane modalità di presentazione delle proposte in relazione alla loro valutazione e soprattutto alla loro successiva ed eventuale messa in opera.

Dal testo dell’avviso di AGESP si chiede infatti agli interessati di predisporre “un progetto che individui le destinazioni dell’intero complesso (immobili e area circostante)“. Tale progetto, implicitamente a carico dei potenziali interessati, dovrebbe includere “elaborati grafici, che, dovranno contenere, in scala adeguata: inserimento dell’intervento proposto nel contesto, piante, disegni tecnici, diagrammi, viste prospettiche e/o quant’altro necessario alla descrizione della proposta.” Nell’avviso si richiede inoltre una “relazione illustrativa (max. 5 cartelle A4 ), tesa ad illustrare il contenuto della proposta, ed in particolare: i contenuti essenziali del progetto; le strategie e le modalità finanziarie di esecuzione; studi di fattibilita finanziaria e gestionale.

Se si continua a leggere si saprà che “le proposte presentate saranno valutate da un nucleo di valutazione che sarà individuato con successivo atto e composto da esponenti dell’ Amm. Comunale e di Agesp Servizi S.r.l. […] Il giudizio del nucleo di valutazione è inappellabile, e si concluderà con una graduatoria di merito e l’esito sarà comunicato a tutti i concorrenti.” Quindi, l’ente si riserva chiaramente di decidere quale/i idee possano essere sviluppate.

La vera sorpresa arriva adesso. Si legge infatti: “L’idea o le idee selezionate sono acquisite in proprietà a Agesp Servizi e, previa eventuale definizione degli assetti tecnici, possono essere poste a base di un concorso di progettazione o di un appalto di servizi di progettazione.

Traduzione: se sei interessato a questo concorso di idee e decidi di investire tempo e denaro nella stesura di un progetto dettagliato e professionale (la presenza di un professionista abilitato è obbligatoria), quel progetto cessa di essere tuo nel momento in cui viene selezionato. La proprietà di quel progetto diventa a quel punto di AGESP, che può (senza obblighi) indire un bando/gara d’appalto/etc al quale tu non hai alcuna garanzia nè di avere i requisiti di partecipazione nè di successivi servizi di gestione di quanto da te proposto. Nè, tanto meno, il tuo LAVORO di progettista ed ideatore viene riconosciuto. Insomma, bella idea, la prendiamo, ma hai lavorato gratis.

Ci limitiamo a dire che questa è una strana concezione del concetto di “Partecipazione”, ammesso che questo fosse uno dei fini dell’iniziativa. E che la realizzazione di una mostra con le idee più meritevoli (scartate), per quanto interessante possa pur essere, non ripaga in alcun modo il valore professionale di stesura di un progetto di recupero.

Lasciamo a chi legge qualunque altro tipo di considerazione.





Liberazioni: 25 Aprile in Cascina Burattana

20 04 2011

Abbiamo sempre considerato il 25 Aprile come una Festa meravigliosa e irrinunciabile.

Quest’anno cogliamo al volo l’appello lanciato dalla Coop. Soc. Agricola Cascina Burattana a festeggiare con loro sia la Festa di Liberazione che l’inizio del progetto di recupero e riqualificazione della Cascina.
Il progetto è stato lasciato per anni nel dimenticatoio di qualche scrivania comunale, salvo riproporlo e, si spera, iniziare ad attuarlo, in pieno periodo elettorale.

A noi interessa che chi da tanto tempo ha a cuore il destino di un pezzo di storia e di tradizione della nostra città possa finalmente vedere il proprio progetto attuato. Senza il cappello dei partiti politici, peraltro quegli stessi partiti che governano la città da 15 anni e che certamente hanno contribuito al parziale disfacimento della Cascina con il loro “me ne frego”, anche quando questo è stato indiretto o silenzioso.

Il “me ne frego”, di qualunque tipo esso sia, non appartiene alla natura antifascista dell’Associazione 26per1. Per questo ci uniamo ai festeggiamenti della Coop. Soc. Agricola Cascina Burattana e siamo felici che questa festa cada proprio il 25 Aprile.

Ed ora qualche dettaglio pratico:
l’appuntamento è per lunedì 25 Aprile in Cascina, ovviamente in Via Burattana (una laterale di Viale Boccaccio), Busto Arsizio. All’ora di pranzo (prima c’è la manifestazione).
I ragazzi della Cascina prepareranno “insalata e ciapi” e agnello per chi lo vorrà…però in questo caso chi cucinerà ci chiede la cortesia di fargli sapere un numero indicativo di persone. In questo caso, indicateci quindi quanti sareste, di modo che possiamo comunicarlo a chi di dovere.
Se invece preferite essere indipendenti sul fronte cibo, ognuno sarà liberissimo di portare per sè (e, se vuole, per gli altri) ciò che vuole. Tenete unicamente presente che non si possono accendere fuochi a terra e, se volete fare un grigliata, dovrete organizzarvi portandovi la vostra griglia da casa. Anche in questo caso, in autonomia.
Ci sarà qualche tavolone ma anche tanto prato, quindi portate materiale per potervi stravaccare.

Ci vediamo il 25 Aprile per una giornata di Festa, per conoscere la Cascina e, se vi va, per conoscere meglio anche 26per1.
Ora e sempre Resistenza.





Di Terra e Di Cielo – storie di uomini e natura

15 04 2011

Una nuova collaborazione in arrivo per 26per1! Siamo lieti di annunciare la nostra partecipazione all’organizzazione della rassegna “Di terra e di cielo”, insieme a moltissime altre associazioni della Provincia di Varese, e non solo.

“Di terra e di cielo” è una rassegna cinematografica dedicata alla natura e all’ambiente. Uno sguardo attraverso il linguaggio del documentario che racconta il rapporto tra l’uomo e la natura.
La rassegna, organizzata dall’associazione varesina Filmstudio 90 in collaborazione con CAI, LIPU, Legambiente e molti altri, si svolge in diversi comuni della provincia di Varese. L’edizione 2011 si svolgera tra aprile e giugno.

26per1 farà sì che anche Busto Arsizio ospiti alcuni appuntamenti di questo festival. Più precisamente, saranno tre i documentari presentati, a comporre due serate nel mese di Maggio 2011.

Mercoledì 18 Maggio, alle ore 21 presso la sede ANPI di via Ferrer 43, proietteremo “Gente d’Alpe” (di G. Poldi Allai, F. Lilloni, S. Nardi, con Giovanni Lindo Ferretti – Italia, 2010) e “Sentire il mio passo sul sentiero” (di C. Prevosti e J. Santambrogio – Italia, 2010).

Giovedì 26 Maggio, alle ore 21 sempre presso l’ANPI di via Ferrer 43, Busto Arsizio, sarà invece il turno di “Case abbandonate” (di A. Scillitani e M. Gazzotti – Italia, 2010).

Avremo in verità anche un terzo appuntamento, “I dannati del mare” (Les Damnes de la Mer, di Rhalib Jawad – Belgio, 2008), presente all’interno di “Di Terra e di Cielo – 2011”, ma che porteremo a Busto Arsizio a rassegna terminata, in un altro contesto. L’appuntamento in questo caso sarà infatti per giovedì 23 Giugno alle ore 21 nel cortile di Migrando, via Pozzi 3, Busto Arsizio.

Passate parola!