Ci hanno chiuso fuori. Ancora.

12 03 2011

E’ notizia di questi giorni: la Casa139, circolo Arci in via Ripamonti a Milano, è stata posta sotto sequestro e chiusa, in seguito ad accertamenti delle forze dell’ordine. Un altro circolo culturale, un altro spazio aperto all’incontro, alla cultura, all’aggregazione viene sottratto alla cittadinanza. La Casa139 si aggiunge ad un lungo elenco di spazi, milanesi e lombardi, che vengono forzati a chiudere, in nome di una non meglio precisata “sicurezza”, di una “quiete pubblica” richiesta da non si sa bene chi.

Prima della Casa139, ci sono stati il Plastic, l’Arci Bitte, la Cascina Monluè, il Cox 18, l’Atomic, il Black Hole, il Rolling Stone, le Scimmie, e molti altri centri culturali e ricreativi, spesso no profit. Nel quadro dei lavori per l’EXPO 2015, sta per essere smantellato il PalaSharp di Lampugnano, che, fin dai tempi in cui si chiamava ancora PalaTrussardi, ha ospitato a Milano alcuni tra i più importanti concerti nazionali e internazionali. Ogni estate, quando il caldo ci chiama per le strade e nelle piazze, diventa sempre più difficile conquistare un luogo che non sia insidiato da transenne e divieti.

L’Associazione 26per1 cerca da anni di aprire uno spazio che permetta aggregazione e cultura, in una città come Busto Arsizio, dove luoghi di questo tipo sono del tutto assenti. I nostri tentativi di dialogo con le istituzioni sono sempre scivolati nel silenzio. Non desistiamo, perchè, e quest’ultima notizia ce lo conferma, anche fuggendo a Milano potremmo trovare, a breve, lo stesso deserto culturale che viviamo ogni giorno nella nostra città.

Alla Casa139, dunque, e a tutte le altre realtà che promuovono e hanno promosso la cultura, la musica indipendente, la partecipazione attiva e collettiva, va la solidarietà e il sostengo di 26per1. Condividiamo con voi la fatica e l’impegno di lavorare per creare cultura, soprattutto in un periodo in cui è costantemente sotto attacco, privata di fondi, svalutata nei contenuti. Un impegno e una fatica che sono, più che mai, necessari.

Sabato 19 marzo, alle ore 15.00, ci sarà un presidio creativo, intitolato “Riprendiamoci Milano”, in Piazza Fontana. Noi ci saremo, e invitiamo tutti a partecipare. Ci sarà la musica, ci sarà la gente, ci saranno tutti quelli che sono stati chiusi fuori, ancora una volta, e che, a gran voce, reclamano una casa.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: